Pavimento in resina: costi, vantaggi e le ultime tendenze

CLM per la progettazione di case con pavimento in resina

ll pavimento in resina si configura come una soluzione estremamente versatile, capace di coniugare esigenze funzionali e desideri estetici, adattandosi perfettamente sia agli ambienti moderni che a quelli più tradizionali, garantendo risultati di lunga durata e facile manutenzione.

Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere sui pavimenti in resina.

Cos’è il pavimento in resina

Il pavimento in resina, con la sua natura innovativa e le sue caratteristiche distintive, si realizza attraverso l’applicazione di resine epossidiche, poliuretaniche o acriliche che, una volta indurite, formano una superficie solida e continua. La sua composizione chimica gli conferisce una resistenza eccezionale agli urti, alle abrasioni e alle sostanze chimiche, rendendolo ideale per ambienti soggetti a traffico intenso o a condizioni di lavoro gravose.

Una delle peculiarità più apprezzate del pavimento in resina è la sua capacità di essere applicato direttamente sopra vecchie pavimentazioni, senza la necessità di rimozioni o lavori preparatori complessi, a patto che il sottofondo sia stabile e adeguatamente trattato. Questo aspetto lo rende particolarmente attraente per progetti di ristrutturazione, dove si desidera rinnovare gli spazi con un impatto minimo sui tempi di realizzazione e sui costi.

Dal punto di vista estetico, la resina offre una libertà creativa quasi illimitata. La vasta gamma di colori, la possibilità di inserire additivi per creare effetti e la scelta tra finiture lucide, opache o satinate permettono di personalizzare ogni spazio in modo unico. Inoltre, tecniche avanzate di applicazione consentono di imitare texture e materiali diversi, come il marmo (a proposito, se desideri utilizzare del marmo vero per la pavimentazione della tua cara ti consigliamo di dare un’occhiata alle proposte di Salvini Marmo!), il granito o persino effetti industriali, per soddisfare ogni esigenza di design.

I vantaggi del pavimento in resina

I pavimenti in resina si distinguono per una serie di vantaggi che li rendono una soluzione pavimentale estremamente attraente. 

Come anticipato, la loro versatilità estetica permette una personalizzazione senza precedenti, offrendo un’ampia gamma di colori, effetti e finiture per adattarsi a qualsiasi stile d’interno. Questi pavimenti vantano una notevole durabilità e resistenza, rendendoli ideali per ambienti sia residenziali che commerciali. 

La facilità di manutenzione è un altro punto a loro favore (oppure: di forza), grazie alla superficie liscia e non porosa che impedisce l’accumulo di sporco e semplifica le operazioni di pulizia. La possibilità di applicare la resina direttamente su pavimenti esistenti offre un notevole risparmio di tempo e costi in fase di ristrutturazione. Inoltre, le proprietà antiscivolo e la continuità della superficie senza giunti contribuiscono a creare un ambiente più sicuro e igienico, aspetti particolarmente apprezzati in spazi ad alto traffico o che richiedono elevati standard igienici.

Il pavimento in resina è anche una scelta ecosostenibile, poiché sempre più produttori stanno sviluppando resine ecosostenibili realizzate con materiali riciclati o rinnovabili che spesso hanno un’orma carbonica ridotta.

Tuttavia, per quanto apporti molti benefici alla casa, la resina presenta lo svantaggio di essere sensibile alla luce solare diretta, che può causare lo sbiadimento dei colori nel tempo. Questo aspetto è particolarmente rilevante in spazi esposti a intensa luce naturale.

Costo pavimento in resina: cosa influenza il prezzo?

Il prezzo finale è influenzato da numerosi fattori che possono variare significativamente. Scopriamo insieme quali sono questi fattori.

Progettazione salotto casa con pavimento in resina
  1. Tipologia di resina

I pavimenti in resina si articolano in diverse tipologie, ognuna con caratteristiche e costi specifici:

  • Resina epossidica: nota per la sua resistenza meccanica e chimica, è ideale per ambienti industriali e residenziali. È una soluzione di costo medio, che bilancia durabilità e estetica.
  • Resina poliuretanica: offre maggiore elasticità, adatta a spazi esterni e ad alto traffico. Generalmente più costosa dell’epossidica, compensa con la sua resistenza a variazioni termiche e impatti.
  • Resina acrilica (metacrilica): si asciuga rapidamente e resiste maggiormente ai raggi UV, evitando l’ingiallimento. È una scelta economica, particolarmente adatta per applicazioni rapide e in aree esposte alla luce solare.
  • Resina cementizia: combina estetica “grezza” e naturale con la praticità della resina. È una soluzione più economica, perfetta per chi cerca uno stile industriale o minimalista.
  1. Superficie da rivestire

Il tipo di superficie su cui si applica la resina gioca un ruolo cruciale nel determinare il costo del pavimento. Che si tratti di piastrelle, marmo o cemento, ogni materiale sottostante richiede un approccio specifico. Per esempio, le piastrelle potrebbero necessitare di un trattamento per migliorare l’adesione della resina, mentre il marmo e il cemento potrebbero richiedere levigatura o riparazioni preliminari. Questi passaggi preparatori influenzano direttamente il tempo, i materiali e la manodopera necessari, incidendo così sul costo complessivo del progetto.

  1. Metratura

La metratura dell’area da rivestire con resina è un altro fattore determinante per il costo del progetto. Generalmente, il prezzo viene calcolato al metro quadro, il che significa che maggiore è l’estensione dell’area, più elevato sarà il costo totale. Tuttavia, è importante considerare che per progetti di ampia metratura si possono verificare economie di scala, che potrebbero ridurre il costo per metro quadro grazie a una maggiore efficienza nella gestione dei materiali e della manodopera. 

  1. Manodopera 

La qualifica, l’esperienza e la reputazione dei professionisti coinvolti (General Contractor, architetti, piastrellisti e così via) possono variare ampiamente, influenzando direttamente il prezzo del loro servizio. La complessità del progetto può incidere sul numero di ore lavorative necessarie: design personalizzati, finiture speciali o la necessità di preparazioni preliminari complesse richiedono competenze avanzate e tempo aggiuntivo, aumentando il costo della manodopera.

  1. Complessità del design

Strettamente legata al punto precedente, anche la complessità del design influisce notevolmente sul costo di un pavimento in resina. Un design semplice, con colori uniformi o minimi effetti, tende a essere più accessibile, data la relativa facilità di applicazione e la minor quantità di materiali richiesti. Al contrario, design più complessi che incorporano una varietà di colori, pattern intricati o effetti visivi particolari, come sfumature o finiture particolari, richiedono una maggiore maestria tecnica, un tempo di applicazione più lungo e quindi un costo maggiore. 

  1. Eventuali trattamenti speciali

I costi di un pavimento in resina possono aumentare a causa di eventuali trattamenti speciali richiesti. Questi possono includere finiture specifiche per migliorarne la resistenza a graffi, usura o sostanze chimiche, rendendolo ideale per ambienti ad alto traffico o particolarmente esposti a macchie e sporcizia. Trattamenti antiscivolo sono spesso richiesti in spazi come bagni o cucine, dove la sicurezza è una priorità.

Progettazione Bagno con Pavimento in Resina

Altri trattamenti possono riguardare l’aspetto estetico, come l’aggiunta di effetti tridimensionali, che richiedono tecniche avanzate e materiali aggiuntivi. Anche la scelta di finiture ecologiche o di materiali con specifiche caratteristiche tecniche, come la conducibilità termica per l’installazione su impianti di riscaldamento a pavimento, può influire sul prezzo finale. Ogni trattamento speciale aggiunge complessità al processo di installazione, richiedendo tempo e competenze specifiche, che si riflettono nel costo complessivo del progetto.

E tu, cosa vorresti fare?

Dalla ristrutturazione all'interior design a Milano e provincia.

Tendenza pavimenti in resina: finiture moderne

Nel panorama dell’interior design moderno, i pavimenti in resina si affermano come una delle scelte predilette per la loro capacità di unire versatilità e resistenza ad un’ampia gamma di finiture esteticamente innovative. Tra le tendenze più in voga, spiccano gli effetti materici come quello del cemento, che conferisce agli ambienti un tocco industriale e moderno, l’effetto pietra, per uno stile rustico, e l’effetto legno – diverso dallo stile dei parquet di Woodco -, che riproduce il calore e l’eleganza del legno naturale, ma con maggiore resistenza. Queste finiture permettono di creare spazi dal carattere forte, adattandosi perfettamente sia a contesti residenziali che commerciali.

Dal punto di vista cromatico, le tonalità neutre come il bianco, il grigio e il beige dominano per la loro capacità di creare ambienti eleganti e minimali, mentre i colori pastello e vivaci introducono note di freschezza e dinamismo, trasformando il pavimento in un elemento d’arredo centrale. 

Le finiture, invece, si diversificano in lucide, per un effetto sofisticato e riflettente, opache, per un look contemporaneo e glam, e satinate, che offrono un equilibrio tra i due estremi. 

Inoltre, le ultime innovazioni nel campo dei pavimenti in resina, come il microtopping e le tecniche 3D e metallizzate, stanno ampliando ulteriormente le possibilità creative. Il microtopping, in particolare, offre una soluzione pratica ed esteticamente accattivante per rinnovare vecchie pavimentazioni senza necessità di demolizioni, mantenendo uno spessore ridotto e garantendo un risultato finale di grande impatto visivo. D’altra parte, le finiture 3D e metallizzate introducono un elemento di novità e lusso, creando effetti di profondità e movimento che possono trasformare un pavimento in un’opera d’arte, confermando così la posizione di spicco dei pavimenti in resina nel panorama del design d’interni contemporaneo.

Considerazioni finali

I pavimenti in resina rappresentano una soluzione all’avanguardia nel mondo dell’interior design, offrendo una combinazione vincente di durabilità, versatilità e un’ampia gamma di opzioni estetiche. 
Se hai bisogno del parere di un General Contractor per scegliere il pavimento in resina giusto durante la ristrutturazione della tua casa, contattarci! In CLM Design siamo esperti in architettura, interior design, progettazione indoor e outdoor e lighting design, e potremo fornirti la migliore assistenza in ogni aspetto della ristrutturazione. Potremo anche consigliarti altri partner come Ceramica Bardelli, Bruno Parquet o Ceramiche Keope se desideri vagliare altre tipologie di pavimento di pavimento per la tua casa!

Condividi:

Scegli quando vuoi essere richiamato da un nostro consulente