QUALE LEGNO SCEGLIERE PER L’ESTERNO? A COSA PRESTARE ATTENZIONE

Arredo legno peresterno

In questo articolo esploreremo le opzioni di legno disponibili per gli arredi esterni ed i fattori da considerare per scegliere il legno giusto per il tuo spazio esterno

Come scegliere il legno da esterno step by step

Il legno per esterni deve essere scelto con cura, perché deve resistere a fattori naturali come l’acqua, il sole, il vento, così come alla deformazione e al deterioramento nel tempo. Un legno da esterno di qualità deve anche essere resistente alle aggressioni da parte di insetti e muffe, poiché questi organismi possono danneggiarlo irreparabilmente. Per questo motivo, non tutti i tipi di legno sono adatti per l’uso esterno. 

Infine, è importante che il legno sia facile da lavorare e da trattare, per poterlo adattare alle esigenze specifiche di ogni progetto. 

In generale, le specie di legno più adatte per gli arredi ed i complementi da esterno sono quelle che presentano una buona densità, una buona resistenza e una lunga durata, come ad esempio il teak ed il cedro.

Legno per esterni

Ecco una breve checklist che riguarda quali fattori principali devi considerare, quando si tratta di scegliere il legno migliore per l’esterno.

  • Resistenza: il fattore principale da considerare è la resistenza ai fenomeni naturali.
  • Durata: il legno deve essere in grado di durare a lungo all’esterno senza necessità di manutenzione particolare.
  • Aspetto: scegli un legno che si integri bene con l’ambiente circostante.
  • Disponibilità: per questioni logistiche, dovresti scegliere un legno che sia facilmente disponibile nella tua zona.

Capire quale sia il miglior legno per l’arredamento esterno è un processo importante per garantire la durata e la bellezza dei mobili. 

È essenziale scegliere legni che siano stati trattati con preservanti, come vernici e oli, per proteggere il legno dalla decolorazione, dalla deformazione e dalla degradazione a lungo termine. Infine, bisogna valutare il costo, la prestazione e l’aspetto estetico. Legni come il teak possono essere costosi ma sono considerati di alta qualità e duraturi, mentre legni come il pino possono essere più accessibili ma richiedono maggiori cure e manutenzione. 
È sempre consigliabile consultare un esperto in arredamento per scegliere il legno più adatto ai propri gusti in fatto di estetica e funzionalità. Aziende come Corradi e Royal Botania per esempio, sono specializzate nell’arredamento outdoor, e potrai trovare i mobili per esterno pensati per durare a lungo.

Quali sono i migliori legni da esterno

Ci sono diversi tipi di legno adatti per l’utilizzo in ambienti esterni, ciascuno con le proprie caratteristiche e vantaggi

Legno per esterni

Ecco quali sono i tipi di legno più comuni.

Teak: duro e resistente all’acqua, grazie al suo alto contenuto di oli naturali e alla sua elevata stabilità dimensionale, il teak è un’ottima scelta per mobili da giardino e pavimenti esterni. Il colore originale del teak è un marrone dorato.

Cedro: il cedro rosso occidentale è un legno aromatico leggero e stabile il che lo rende una buona scelta per pannelli di rivestimento e altri progetti esterni. I colori del cedro vanno dal marrone al rosso scuro. 

Ipe: è un legno sudamericano molto denso e resistente. Viene utilizzato in molti progetti di costruzione all’aperto, compresi i ponti, le terrazze, le ringhiere ed i mobili da giardino. L’ipe richiede una certa cura per far sì che mantenga il suo aspetto originale.

Garapa: legno molto duro e stabile che viene spesso utilizzato per la costruzione di pavimenti esterni e richiede poca manutenzione.

Acacia: anche questo è un legno duro e resistente all’acqua, che proviene principalmente dall’Asia e dall’Africa. Ha un colore marrone dorato naturale e una texture naturale. L’acacia è utilizzato principalmente per mobili da giardino, pavimenti e pergole.

Cipresso: resistente all’acqua. Ha un colore giallo pallido e una texture uniforme. È utilizzato principalmente per pannelli di rivestimento, pavimenti, ponti e pergole.
Rattan: il rattan è un materiale naturale e leggero, che lo rende una scelta popolare per l’arredamento esterno e interno. Viene spesso intrecciato per creare forme e modelli unici.

Rattan per l'outdoor

Il miglior legno per i mobili del tuo giardino

Nella scelta del legno adatto per i mobili da giardino, bisogna pensare che questi devono durare nel tempo anche se esposti ad elementi esterni in ogni stagione.

La resistenza all’umidità ed alla pioggia, in modo da non marcire o deformarsi con il passare del tempo è fondamentale. In secondo luogo, deve essere resistente agli agenti atmosferici come la luce del sole, il vento e il freddo, per evitare che si screpoli o si sfaldi.

Tra le diverse opzioni disponibili, il teak è uno dei legni più popolari per i mobili da esterno. 

Questo legno tropicale è conosciuto per la sua capacità di resistere alle temperature estreme senza degradarsi, così come a muffe ed insetti: è un legno duro e denso, che può durare decenni all’esterno senza necessità di manutenzione particolare

Dal punto di vista estetico, il teak appare piacevole e ha una finitura calda, naturale ed elegante, che si integra bene in qualsiasi ambiente esterno. 

Altri legni adatti per i mobili del giardino includono il cedro rosso occidentale, l’eucalipto e l’acacia, ma il teak rimane il legno preferito da molti esperti.

Come scegliere il legno giusto per la pavimentazione esterna

La scelta del miglior legno per la pavimentazione esterna dipende da diversi fattori, di cui abbiamo già parlato, uniti alla durabilità, alla stabilità, e non ultimo, l’aspetto estetico. 

Il teak rimane l’opzione migliore, ma anche l’ipe e il rovere presentano proprietà che li rendono adatti per l’uso all’aperto. 

L’ipe è molto stabile, richiede poca manutenzione, non si deforma e non scolorisce facilmente. Inoltre, l’ipe ha un colore scuro che è facile abbinare agli altri complementi del giardino.

Il rovere invece, è una scelta popolare soprattutto per le sue proprietà antiscivolo.

Indipendentemente dalla scelta, è importante prendersi cura della pavimentazione in legno esterno con verniciature e trattamenti periodici per prolungarne la longevità e mantenerla in ottime condizioni.

Rivestimenti esterni in legno: come scegliere quello giusto

Legno da esterno

Scegliere il legno giusto per i muri e rivestimenti esterni è fondamentale per garantire che la struttura sia resistente e durevole nel tempo

Legni come il cedro rosso occidentale, l’iroko, il rovere e il teak sono spesso utilizzati per i muri esterni. Il legno deve essere di alta qualità, privo di nodi e difetti, per garantire una maggiore stabilità. Infine, è importante scegliere il legno in base alla sua estetica, tenendo conto del colore e della grana. 

Il legno può essere lasciato al naturale o trattato con vernici e sigillanti per proteggere la superficie e aumentare la sua durata. 

Per i muri esterni, il cedro rosso occidentale è una delle scelte migliori. Resistente e leggero, può durare decenni senza necessità di manutenzione particolare. 

Considerazioni finali

In conclusione, la scelta del legno per un progetto esterno è una decisione importante che può influenzare la durata, l’aspetto e la funzionalità del progetto stesso. 

È quindi essenziale valutare attentamente le opzioni disponibili, considerando fattori come il budget, la resistenza alle intemperie, la manutenzione richiesta e l’aspetto estetico

È sempre consigliabile consultare un servizio professionale di esperti per ottenere consigli e indicazioni specifiche sul tipo di legno da utilizzare in base alle esigenze e alle condizioni climatiche della zona. 

Con la giusta scelta e cura, il legno esterno può durare a lungo e contribuire a creare uno spazio esterno funzionale e accattivante.

Rivolgiti a CLM Design se desideri una consulenza sulla progettazione e sull’arredamento outdoor.

Condividi:

Scegli quando vuoi essere richiamato da un nostro consulente