RISTRUTTURARE CASA SENZA STRESS: ECCO COME FARE

Gennaio 25, 2023

Ristrutturare casa può essere un’esperienza emozionante ma anche, e soprattutto, stressante. Numerosissime sono le cose a cui star dietro: costi, tempi di consegna, scelta dei giusti materiali e così via. Tuttavia, per completare una ristrutturazione senza che i nervi prendano il sopravvento è necessario pianificare e organizzare.

Ristrutturare casa può essere un’esperienza emozionante ma anche, e soprattutto, stressante. Numerosissime sono le cose a cui star dietro: costi, tempi di consegna, scelta dei giusti materiali e così via. Tuttavia, per completare una ristrutturazione senza che i nervi prendano il sopravvento è necessario pianificare e organizzare, tenendo ben presenti quelle che saranno le nostre parole chiave

Ecco a te 10 semplici tips che potrebbero aiutarti a ristrutturare casa senza stress:

  1. pianificare e calendarizzare: il segreto di una ristrutturazione senza stress. Prima di dare il via ai lavori c’è una fase molto più complessa ma assolutamente fondamentale: la redazione di un action plan dettagliato sul numero e sequenza di lavori, timing e budget stimato ma attendibile
  2. prepararsi a possibili imprevisti prima del tempo: stilare sempre un piano di emergenza (e di spese extra) in caso di ritardi o problemi di varia natura
  3. reperire la documentazione idonea: autorizzazioni, concessioni ecc
  4. identificare almeno tre aziende solide, competenti ma soprattutto referenziate alle quali chiedere il preventivo dei costi da sostenere
  5. nominare il Team giusto: una scelta fondamentale per creare armonia e coordinazione. Incaricare il progettista abilitato, coordinatore dei lavori e della sicurezza. Gli ingredienti necessari in ogni tipo di accordo sono la trasparenza delle informazioni e una buona comunicazione. Affidarsi a professionisti qualificati, referenziati e con anni di esperienza darebbe alla tua ristrutturazione un valore aggiunto e a te, toglierebbe stress 
  6. comunicare chiaramente le nostre aspettative alle imprese e ai professionisti coinvolti in modo che si collabori sulla stessa lunghezza d’onda
  7. occuparsi della burocrazia: presenta la pratica edilizia presso l’ufficio tecnico del Comune. Contrariamente, se non hai voglia di occupartene, puoi sempre optare per un’azienda che se ne occupi al tuo posto, ovvero il General Contractor di cui parleremo più avanti in questo articolo 
  8. prestare attenzione alla scelta dei materiali giusti: preferisci quelli di alta qualità principalmente per l’investimento che stai per fare che deve essere resistente e durevole nel tempo. La giusta armonia tra creatività e design, estetica e funzionalità ti verrà garantita dagli specialisti del settore
  9. avere a disposizione un posto dove stabilirsi durante la ristrutturazione in modo da non vivere e assorbire il caos e lo stress; allo stesso modo, organizza una zona di lavoro in modo da creare uno spazio in cui sia facile trovare ciò che trovi
  10. infine ma non per importanza… KEEP CALM. Ritardi e problematiche sono pane quotidiano nella ristrutturazione quindi prendi in considerazione un margine di errore e ricordati il punto numero 2.

Quanto costa ristrutturare casa

In fase di pianificazione, come anticipato, bisogna tenere a bada la voce “costi” affinché non diventino la spina nel fianco di una ristrutturazione.

I costi possono variare notevolmente a seconda della dimensione e della complessità dei lavori, dei materiali scelti e della location. In generale, è possibile aspettarsi che i costi per una ristrutturazione completa di una casa medio-grande possano variare da 50.000 a 200.000 € o anche di più. Tuttavia, il costo al metro quadro varia in base al contesto geografico.

Costi di ristrutturazione

Per aiutarti a stabilire un budget realistico per la tua ristrutturazione, ti consigliamo di fare un’analisi dettagliata dei costi comprendendo i costi per i lavori, per i materiali, per le attrezzature ma soprattutto per le spese accessorie. A questo proposito, è fondamentale creare una sorta di “cuscinetto” che comprenda l’aggiunta di eventuali costi imprevisti, come i costi di progettazione o di permessi.

Banalmente, i costi di ristrutturazione si suddividono in tre macro-aree:

1) Costo dell’impresa: comprende il costo della manodopera dell’impresa che effettua i lavori di ristrutturazione

2) Costo per l’acquisizione dei materiali: comprende il costo dei materiali necessari per effettuare la ristrutturazione come piastrelle, vernici, sanitari ecc

3) Costo del professionista: comprende il costo per l’utilizzo dei servizi di un professionista, come ad esempio un architetto o un ingegnere, per progettare e supervisionare i lavori di ristrutturazione.

Ovviamente, se vuoi sapere nel dettaglio quanto può costare la ristrutturazione di una casa e quindi per quantificare con precisione le varie voci di spesa, avrai bisogno di:

– un computo metrico;
– organizzare un sopralluogo con dei tecnici.

Ahinoi, basta sostituire un elemento nella planimetria o scegliere una finitura diversa per far lievitare i costi in maniera esponenziale.

Fermo restando la possibilità di rivolgersi a terzi per sostenere i costi della ristrutturazione: l’opzione di finanziamenti o prestiti per coprire i costi della ristrutturazione, prestando attenzione al numero delle rate e alle condizioni di rimborso in modo da avere una panoramica completa del budget (attuale o futuro che sia).

In generale, è importante fare una ricerca accurata e fare una valutazione dettagliata dei costi per evitare sorprese spiacevoli durante la ristrutturazione. Con un po’ di pianificazione e organizzazione (le nostre keywords) è possibile completare una ristrutturazione senza stress e ad un prezzo ragionevole.

Come risparmiare sulla Ristrutturazione con i bonus e la cessione del credito

Buone news per i contribuenti che vogliono ristrutturare o rinnovare il loro luogo abitativo grazie al pacchetto messo a disposizione dallo Stato. Tra i bonus in vigore nel 2023, la ristrutturazione edilizia ha conservato le sue agevolazioni fino al 2024 così come l’aliquota di detrazione fiscale e il meccanismo di funzionamento.

Ma vediamo nel dettaglio come e cosa può fare chi vuole riqualificare un luogo abitativo.

In primo luogo, è possibile utilizzare i bonus fiscali per le ristrutturazioni edilizie. Questi bonus possono essere utilizzati per detrarre una parte dei costi sostenuti per la ristrutturazione dalle tasse dovute. Ad esempio, in Italia il Bonus Ristrutturazione consiste in una detrazione fiscale del 50% per le spese sostenute per lavori di ristrutturazione edilizia, acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Per l’efficientamento energetico, invece, è stato previsto l’Ecobonus, ovvero l’incentivo fiscale di cui è possibile beneficiare se si implementano interventi impiantistici che portano a un risparmio di energia primaria pari al 20%.

In secondo luogo, è possibile utilizzare la Cessione del credito per risparmiare sui costi della ristrutturazione. La cessione del credito è un meccanismo attraverso il quale una persona può cedere un credito fiscale ad altri soggetti, come ad esempio le banche o altre società finanziarie, che possono utilizzarlo per compensare le proprie imposte dovute. In questo modo, l’intestatario del credito può monetizzare immediatamente il beneficio fiscale ottenendo sconto diretto in fattura. Esempi di lavori che rientrano in questa opzione sono l’adozione di misure antisismiche, installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica di veicoli elettrici ecc.

In sintesi, utilizzando i bonus fiscali e la cessione del credito è possibile risparmiare significativamente sui costi della ristrutturazione di una casa. È caldamente consigliato consultare sempre un professionista del settore per capire quali bonus e agevolazioni fiscali sono disponibili e come utilizzarle al meglio.

Ristrutturazione Step by Step: le Fasi

Una ristrutturazione completa è un processo lungo ma preciso: composto da una serie di fasi il cui ordine è inderogabile e la cui presenza è collegata all’esigenza del committente.

Ecco una piccola linea del tempo della ristrutturazione, dalla pianificazione alla realizzazione.

  1. Pianificazione: la fase primordiale delle fasi. Il momento in cui è necessario stabilire gli obiettivi della ristrutturazione, determinare i costi e i tempi previsti, e creare un piano dettagliato per la realizzazione dei lavori. Viene elaborato un progetto dettagliato che include il layout, i materiali e le finiture. Quindi è importante incontrare un architetto o un ingegnere o, ancor meglio, ad un’impresa edilizia che disponga di entrambe le figure professionali, per discutere le opzioni disponibili e ottenere un preventivo dettagliato;
  1. Demolizione: una volta che il piano è stato stabilito si passa all’azione. Più che all’a-zione si passa alla demoli-zione. In questa fase, vengono rimossi i vecchi rivestimenti, i pavimenti, le pareti e gli arredi, per preparare la casa per i lavori di ristrutturazione. È importante prendere tutte le precauzioni necessarie per evitare danni alle strutture esistenti;
  1. Struttura: questa è la fase in cui si definisce lo scheletro. Posa di travi, realizzazione di muri portanti e installazione di elementi strutturali come scale e soffitti;
  1. Progettazione e Installazione di impianti: idraulico, elettrico e di riscaldamento. In questa fase, è importante utilizzare materiali di qualità e seguire tutte le norme di sicurezza per garantire un’installazione sicura ed efficiente;
  1. Costruzione: è tempo di nuove strutture come pareti, soffitti e pavimenti. In questa fase, è importante utilizzare materiali di qualità e seguire tutte le norme di costruzione per garantire una costruzione solida e duratura;
  1. Finiture: volta al termine la costruzione, è possibile procedere con le finiture, la vera e propria fase della personalizzazione e degli arredamenti. La posa dei pavimenti, la verniciatura delle pareti, l’installazione delle porte e delle finestre. In questa fase, si rende unico l’ambiente abitativo con gli arredi e gli accessori che più rispecchino la personalità di chi abiterà la struttura;
  1. Collaudo: è arrivato il momento di effettuare il check decisivo. Fondamentale è l’accertamento che tutto sia stato installato correttamente e che la casa soddisfi tutti i requisiti di sicurezza e di qualità;
  1. Pulizia finale: fase spesso sottovalutata e quindi dimenticata ma di VITALE importanza per la fruibilità del prodotto finito;
  2. Consegna delle chiavi da parte dell’azienda incaricata al committente: welcome home!

Ristrutturazione

Ristrutturazione Parziale: quando è tempo di Restyling

La ristrutturazione edilizia può essere classificata in due tipi principali: pesante e leggera.

  • Ristrutturazione edilizia pesante: riguarda lavori che interessano la struttura portante dell’edificio, come ad esempio la realizzazione dei muri portanti, la posa di travi o la sostituzione di solai o tetti. Questi lavori richiedono l’intervento di professionisti qualificati e spesso necessitano di permessi e autorizzazione specifiche.
  • Ristrutturazione edilizia leggera: riguarda lavori che non interessano la struttura portante dell’edificio, come la sostituzione di pavimenti, la tinteggiature delle pareti, l’installazione di nuovi impianti o la sostituzione di serramenti. Questi lavori possono essere eseguiti da imprese edili specializzate o da artigiani qualificati.

La ristrutturazione può essere anche parziale o totale a seconda delle esigenze e delle possibilità economiche del cliente.

  • Ristrutturazione edilizia parziale: riguarda lavori che interessano solo alcune parti dell’edificio, come ad esempio un solo piano o un’unica stanza. 
  • Ristrutturazione edilizia totale: riguarda lavori che interessano l’intero edificio, compresi gli impianti e le finiture.

In generale, la ristrutturazione edilizia può essere un’operazione complessa e costosa, ma può anche aumentare il valore e migliorare la qualità della vita nell’immobile. Fondamentale è affidarsi a professionisti qualificati e avere una buona pianificazione e budget per evitare spiacevoli sorprese. 

Questa classificazione per anticiparvi che non necessariamente si deve aver bisogno di apportare modifiche alla struttura portante o alla distribuzione degli spazi. 

Quante volte, guardando un ambiente, hai pensato che avesse bisogno di un restyling?

Un rinnovamento estetico ma anche funzionale che, senza modifiche strutturali, riesce a dare un refresh a quell’ambiente che ormai sembrava old fashioned e monotono. 

I restyling possono riguardare la scelta dei colori, l’arredamento, l’illuminazione e altri elementi di Interior Design.

In sintesi, la ristrutturazione ha diverse forme, ognuna delle quali ha bisogno di know-how, professionalità e competenza.

Perchè affidarsi a CLM Design?

Che tu abbia bisogno di una ristrutturazione edilizia pesante o leggera, parziale o totale un alleato che può soddisfare ogni tua esigenza è CLM Design. 

CLM Design vanta una specializzazione di quasi cinquant’anni nell’edilizia integrata a Milano e provincia.

Ogni progetto di building design è il frutto di un’attenzione speciale verso cose e persone. Affidandosi a molti dei migliori marchi sul mercato, garantisce la durabilità nel tempo e la sostenibilità nello spazio.

CLM Design è sinonimo di garanzia di un servizio completo volto alla realizzazione del progetto, sia esso una ristrutturazione o un re-design in ambito residenziale, commerciale o terziario.

Un solo ed unico interlocutore, con una conoscenza approfondita in strategie progettuali e tecnologie costruttive più avanzate, riesce a rendere tangibile ciò che il cliente ha solamente idealizzato. Arricchendo la consulenza con validi tips che possano migliorare la vita quotidiana come ad esempio idee salvaspazio per gli ambienti destinati ai più piccoli o la dettagliata scelta di sedie per ogni zona della casa

Innovazione e sostenibilità sono il focus di ogni progetto di building che permettono risultati di lungo termine e all’avanguardia. La minuziosa scelta dei materiali, nel rispetto dell’ambiente, e la creatività danno forma e carattere al comfort space in cui il cliente si rispecchia e si sente a casa. CLM Design mette al primo posto le passioni del cliente, valorizzandole e traducendole in uno spazio abitativo.

A Milano è possibile trovare uno showroom che incorpora ogni tipo di esigenza di arredamento indoor per cucina, living, camera da letto, camerette bambini, sala da bagno, wellness o arredamento outdoor. 

Un design ricercato per arredamento indoor & outdoor, un gusto innovativo ma funzionale e numerosi sono i progetti che lo possono testimoniare. 

Se non volete chiedere a noi, chiedete a loro 😉

Assistenza e Competenza di qualità: CLM Design

Il valore aggiunto di CLM Design è l’assistenza. In veste di General Contractor, si prende carico di tutte le fasi del progetto, dalla pianificazione all’assistenza post-vendita. Un percorso sensoriale tra edilizia e Interior Design al fianco di un partner solido, affidabile ma soprattutto trasparente così come il suo operato. CLM Design mira ad eseguire una progettazione integrata ovvero presta massima attenzione allo sviluppo di ogni componente: architettonica, strutturale ed impiantistica affinchè il concept di ogni spazio sia coerente, armonioso e originale. 

Ma andiamo a vedere nello specifico quali sono i servizi di qualità in cui CLM Design accompagna i suoi clienti: 

  • valutazione preliminare del progetto: primo passo verso la realizzazione di un’opera di ristrutturazione o di restyling. Consiste nell’analizzare la fattibilità del progetto in termini di costi, tempi, normative e vincoli
  • sviluppo del concept: definizione delle idee, obiettivi e aspettative che si vogliono rispettare e raggiungere sia dal punto di vista estetico che funzionale
  • progettazione architettonica, strutturale ed impiantistica: si definiscono le soluzioni progettuali per l’edificio o per la parte di esso da ristrutturare tenendo conto delle esigenze del cliente e delle normative vigenti
  • progettazione esecutiva di ogni singolo spazio e dettaglio riguarda la definizione dei dettagli costruttivi e degli elementi d’arredo, con lo scopo di rendere il progetto realizzabile
  • l’esecuzione e la direzione dei lavori: passi successivi dove si procede alla realizzazione concreta del progetto, sotto la supervisione di un professionista incaricato
  • i collaudi tecnici e gli adempimenti sono gli ultimi passi in cui si verifica che il progetto realizzato sia conforme alle norme tecniche e alle autorizzazioni ottenute

Conclusioni

Attraversando le insidiose fasi della pianificazione, progettazione e realizzazione appare ora palpabile il beneficio della presenza di un partner competente che possa quindi rendere la ristrutturazione un momento di serenità. 

Ristrutturare casa è un’opportunità e in quanto tale va sfruttata al massimo per avere un risultato che vi faccia pensare che ne sia valsa la pena. 

Più che assicurarvi che valga la pena, preferiremmo mostrarvelo. 

Quindi, non ci resta che aspettarvi per un preventivo 😉

Richiedi una Consulenza gratuita con un architetto

Hai mai desiderato un architetto a tua completa disposizione per la ristrutturazione della tua casa?

Inizia da qui per realizzare la casa dei tuoi sogni.