Scegliere il tipo di lampadario giusto: linee guida e consigli

Come scegliere il giusto lampadario

I lampadari, spesso percepiti come semplici fonti di luce, sono in realtà elementi di design fondamentali, capaci di definire lo stile e l’atmosfera di un ambiente.

come si sceglie il tipo di lampadario più adatto per ciascuna stanza della casa? Che tu stia pianificando una ristrutturazione completa o desideri semplicemente rinnovare l’illuminazione del tuo appartamento, villetta o residenza per le vacanze al mare o in montagna, questa guida è pensata per aiutarti a scoprire la soluzione perfetta che possa rispondere alle tue esigenze.

Tipi di Lampadari per il lighting design di interni

Prima di scegliere il tipo di lampadario ideale, è essenziale conoscere i diversi stili disponibili sul mercato. Infatti, ogni tipologia ha caratteristiche distintive che possono influenzare significativamente l’atmosfera di una stanza. Ecco una panoramica dei tipi di lampadari più comuni:

  • Lampadari a sospensione: tra i più popolari e versatili, questi lampadari variano da design minimalisti a singola luce a strutture elaborate con molteplici luci. Ideali per illuminare punti focali come tavoli da pranzo o isole da cucina.
  • Lampadari moderni/contemporanei: caratterizzati da design innovativi, spesso minimalisti, e realizzati con materiali come metallo, vetro o plastica, si adattano splendidamente agli ambienti moderni, offrendo una vasta gamma di forme e dimensioni.
  • Lampadari dallo stile rustico: realizzati con materiali naturali come legno, ferro battuto o corda, questi lampadari hanno un aspetto robusto e terroso e sono ideali per case di campagna, chalet di montagna o per ambienti dallo stile rustico.
  • Lampadari in stile industriale: ispirati alle vecchie fabbriche e magazzini, questi lampadari enfatizzano elementi grezzi, come metallo esposto e finiture invecchiate, e sono perfetti per loft urbani e attici o per aggiungere un tocco di carattere negli ambienti moderni.
  • Lampadari tradizionali: con design intricati e dettagliati, realizzati in materiali classici come bronzo, vetro o legno, questi lampadari sono adatti per ambienti con uno stile più classico, variando da design semplici ed eleganti a opzioni più elaborate.
  • Lampadari a tamburo: questi lampadari, con un paralume a forma di tamburo che circonda le luci, offrono un’illuminazione diffusa e morbida. Versatili, si adattano a diversi stili di arredamento, da quello moderno a quello più tradizionale.
  • Lampadari a candelabro: caratterizzati da bracci che si estendono dal centro, spesso con luci che imitano le candele, questi lampadari variano da design semplici e lineari a opzioni più elaborate.

La scelta del lampadario giusto dipenderà dallo stile personale, dalle esigenze specifiche di illuminazione e dal contesto generale dell’arredamento della casa. Ogni tipo di lampadario ha il suo fascino unico e può contribuire significativamente a definire lo stile e l’atmosfera di una stanza.

Come scegliere il lampadario giusto per la tua casa

La scelta del lampadario giusto può trasformare una stanza da ordinaria a straordinaria, fungendo da punto focale e completando l’arredamento con un tocco di stile e personalità. Tuttavia, con così tante opzioni disponibili, può essere difficile sapere da dove iniziare!

Vediamo insieme quali fattori possono aiutarci a scegliere quello giusto.

1. Considera lo stile della stanza

Il primo passo nella scelta di un lampadario è considerare lo stile della stanza in cui verrà collocato. Se la stanza ha un arredamento moderno e semplice come lo stile scandinavo, un lampadario contemporaneo o minimalista potrebbe essere la scelta giusta. Per gli ambienti classici o rustici, invece, si potrebbe optare per un lampadario più tradizionale o elaborato.

2. Dimensioni e proporzioni del lampadario

Le dimensioni del lampadario dovrebbero essere proporzionate alla grandezza della stanza e all’altezza del soffitto. 

Alcune linee guida per aiutarti a scegliere la dimensione giusta in base alla grandezza della stanza e all’altezza del soffitto:

  • Per ambienti di circa 30 mq: un lampadario con un diametro di circa 50 – 60 cm è l’ideale per bilanciare lo spazio. In alternativa, puoi optare per due o tre lampade più piccole, da circa 30 cm ciascuna, disposte in linea retta per una distribuzione uniforme della luce.
  • Per ambienti più piccoli, 15 mq: scegli lampadari di dimensioni più contenute, con un diametro di circa 30 – 40 cm. Queste dimensioni sono sufficienti per illuminare lo spazio senza sovraccaricarlo.
  • Per ambienti molto grandi e di pianta regolare: puoi scegliere un lampadario di grandi dimensioni e dal design imponente.
  • Per ambienti grandi ma di forma irregolare: invece di un unico lampadario centrale, considera l’idea di posizionare più punti luce per garantire un’illuminazione omogenea e bilanciata in tutta la stanza.

3. Altezza di installazione

L’altezza a cui viene appeso il lampadario è un fattore altrettanto importante. In generale, dovrebbe essere appeso a circa 80–90 cm sopra il tavolo in una sala da pranzo, mentre non ci sono particolari indicazioni per i tavolini nei salotti, di solito collocati vicino al divano. Per gli spazi aperti o i soffitti alti, considera la visibilità e l’impatto estetico del lampadario da diverse angolazioni. 

Ecco alcune linee guida: 

  • Per soffitti standard (circa 2.70 – 3 m): il lampadario non dovrebbe pendere a più di 50 cm dal soffitto e preferibilmente dovrebbe avere forme poco ingombranti, che non sovrastino lo spazio ma lo completino elegantemente.
  • Per soffitti molto alti: il lampadario può essere appeso a un’altezza di 80 – 100 cm dal soffitto. Puoi optare per lampadari di grandi dimensioni o dal design più imponente, che diventino elementi focali dello spazio.

4. Tipo di Illuminazione

Considera il tipo di illuminazione che desideri per la stanza. 

Vuoi una luce diretta verso il basso, una diffusa in tutta la stanza, o qualcosa che crei un’atmosfera più intima? 

In questi casi devi tenere in considerazione anche la quantità di luce naturale presente nella stanza. 

Un ambiente ben illuminato naturalmente potrebbe richiedere un lampadario che offra una luce più soffusa o direzionale per le ore serali, mentre una stanza con meno luce naturale potrebbe beneficiare di un’illuminazione più intensa e diffusa. I lampadari sono disponibili con diverse configurazioni di luci e ombre che possono influenzare l’illuminazione generale della stanza, permettendoti di trovare il giusto equilibrio tra luce artificiale e naturale.

5. Materiali del lampadario

La scelta del materiale del lampadario non è solo una questione di stile, ma anche di armonia con l’ambiente circostante. I materiali dovrebbero complementare e arricchire gli altri elementi della stanza, offrendo una varietà di stili e finiture che possono trasformare l’atmosfera e l’aspetto di uno spazio. 

Tra le opzioni più popolari:

  • Cristallo: sinonimo di eleganza, cattura e riflette la luce creando un’atmosfera raffinata. Ideale per ambienti formali, aggiunge un tocco di eleganza sofisticata.
  • Vetro: versatile e disponibile in molti stili, dai design moderni e lineari a quelli più tradizionali e artistici. I lampadari in vetro offrono un’elegante diffusione della luce e possono essere personalizzati in una miriade di colori e finiture.
  • Metallo: durevole e versatile, spazia dai design minimalisti e contemporanei a quelli più elaborati e decorativi, integrandosi perfettamente in diversi contesti d’arredo.
  • Legno: porta con sé un senso di calore e connessione con la natura. I lampadari in legno possono variare da design rustici, che evocano un’atmosfera di casa di campagna, a quelli più moderni, scultorei, perfetti per ambienti contemporanei che cercano un tocco organico.
  • Tessuto: offrono un’illuminazione soffusa e avvolgente. La varietà di tessuti disponibili, dalla seta al cotone, con diversi colori e motivi, aggiunge una nota di morbidezza e colore in qualsiasi stanza.
  • Ferro battuto: sinonimo di forza e longevità, ma anche di un’eleganza senza tempo. I lampadari in ferro battuto spesso presentano dettagli intricati e lavorazioni artistiche, perfetti per ambienti che desiderano un tocco di eleganza rustica e storica.
  • Plastica e acrilico: leggeri, flessibili in design e colore, sono ideali per ambienti moderni che cercano un tocco di originalità e giocosità.
  • Rame e ottone: aggiungono un senso di calore e ricercatezza. Spesso utilizzati in design dal sapore vintage o industriale
I materiali più utilizzati per il tuo lampadario

6. Efficienza Energetica

Al giorno d’oggi esistono tantissime soluzioni che prediligono l’efficienza energetica dell’illuminazione. Optare per soluzioni a LED o a basso consumo energeticoriduce l’impatto ambientale, ei costi in bolletta. 

Le lampadine a LED, in particolare, sono note per la loro lunga durata e per il consumo significativamente minore di energia rispetto alle lampadine tradizionali, riducendo la necessità di sostituzioni frequenti. Inoltre, offrono una vasta gamma di temperature di colore, da una luce calda e accogliente a una più fredda e vivace, permettendoti di personalizzare l’atmosfera della stanza secondo le tue preferenze.

7. Budget

Infine, considera il budget a disposizione. I prezzi dei lampadari possono variare notevolmente, quindi è importante stabilire un budget prima di iniziare la ricerca. Ricorda tuttavia che un lampadario di qualità può essere un investimento che migliora l’aspetto e l’atmosfera della tua casa per molti anni.

Ad ogni ambiente il suo lampadario

Ora che sappiamo quali sono gli elementi che entrano in gioco nella scelta del tipo di lampadario, ti consigliamo di dare un’occhiata alle fantastiche proposte dei nostri partner Artemide, Slamp, Cini&Nils e Oty Light per trovare i migliori lampadari per ogni stanza della casa! 

Ed ecco alcuni esempi di come integrare il lampadario giusto in ogni ambiente.

E tu, cosa vorresti fare?

Dalla ristrutturazione all'interior design a Milano e provincia.

Punto focale per il soggiorno

Il soggiorno è il cuore della casa, dove il lampadario non è solo una fonte di luce ma anche un elemento di design centrale. Per un ambiente moderno considera lampadari con design audaci e geometrici che possano diventare opere d’arte a soffitto. In un contesto più classico, opta per lampadari in cristallo o con dettagli in metallo lavorato che aggiungano un tocco di eleganza senza sovrastare. Ricorda di bilanciare il lampadario con il resto dell’arredamento, creando un’armonia visiva.

Il punto focale del soggiorno, il lampadario

Funzionalità ed estetica in cucina

La cucina richiede un equilibrio tra funzionalità ed estetica. I lampadari a sospensione sono ideali sopra le isole o i banconi perché in questo modo forniscono una luce diretta durante la preparazione e il consumo dei pasti. Per uno stile moderno, scegli lampadari con linee pulite e materiali come l’acciaio o il vetro. In una cucina piccola dallo stile rustico o country, i lampadari in materiali come legno o ferro battuto aggiungono calore e carattere.

Atmosfera rilassante per la zona notte

L’area notte – che sia la camera da letto o la cameretta dei bambini – richiede un’illuminazione che favorisca il relax. Un lampadario con luci soffuse e un design elegante può aggiungere un tocco di stile senza disturbare l’atmosfera tranquilla della stanza. Considera anche l’aggiunta di lampade da comodino o applique per una lettura serale, assicurandoti che l’illuminazione sia sufficiente, ma mai invadente.

Il lampadario Atmosfera

Luce chiara e funzionale per il bagno

Nel bagno, soprattutto in uno di piccole dimensioni, è fondamentale avere un’illuminazione chiara e funzionale, soprattutto intorno allo specchio, dove si svolgono attività come il trucco o la rasatura. Un lampadario delle luci a sospensione o delle plafoniere (consigliabili anche negli ingressi o in alcuni corridoi molto stretti) possono aggiungere eleganza all’ambiente.

Tuttavia, in questi spazi potrebbe essere necessario integrare il lampadario con altre fonti di luce. 

Per esempio, installare applique o faretti su entrambi i lati dello specchio o sopra di esso può garantire una luce uniforme senza ombre, ideale per le attività di precisione. Scegliere lampade a LED per queste luci aggiuntive offreuna luminosità ottimale e un risparmio energetico significativo.

Concentrazione e comfort visivo per lo studio o ufficio

In uno studio o ufficio domestico, la luce deve favorire la concentrazione e ridurre l’affaticamento visivo. Un lampadario con luce diretta o regolabile può aiutare a mantenere l’attenzione, magari accompagnato da una lampada da scrivania fornisce un’illuminazione mirata per leggere e scrivere. Considera lampade con temperatura di colore regolabile per adattarsi alle diverse attività e momenti della giornata.

Luce chiara casa

Considerazioni finali

Nella scelta del tipo di lampadario giusto entrano in gioco una serie di elementi importanti da considerare: stile, lunghezza, altezza, materiali… tutto concorre a rendere il lampadario più di un mero punto luce.Se hai bisogno di aiuto nel campo del lighting design, contattaci! CLM, in qualità di General Contractor, riconosce l’importanza di collaborare con esperti di lighting design e di arredamento come Cattelan Italia, Veneta cucine o Pianca, guidandoti nella scelta delle migliori soluzioni abitative ed edilizie fino all’arredamento indoor e outdoor.

Condividi:

Scegli quando vuoi essere richiamato da un nostro consulente